Ozark Henry – Paramount

314

“We can be heroes”, l’unica cover mai approvata da David Bowie anticipa l’uscita di Paramount, l’attesissimo nuovo lavoro discografico del fiammingo Ozark Henry, cantante, compositore, autore e produttore, sette volte disco di Platino in tutt’Europa, fra cui l’Italia nel 2014 con il progetto “I am your Sacrifice”.

Il suo lavoro Avant-Garde Electronic ha letteralmente conquistato artisti come David Bowie, Trent Reznor, Jah Wobble, Zazie, Moby e Garbage sin dalla metà degli anni ’90.

Autore di tre colonne sonore, per il suo costante impegno creativo nel coniugare arte, scienza e tecnologia al fine di offrire esperienze sensoriali ed emotive sempre più complete attraverso la sua musica, è stato invitato come relatore all’ultimo TEDx, la prestigiosa conferenza mondiale no-profit fondata 26 anni fa da intellettuali, scienziati ed artisti per diffondere nuove idee e progetti di grande impatto innovativo (http://www.tedxliege.com).

Nel 2015 è stato il primo autore-compositore non classico ad essere invitato dalla prestigiosa Orchestra Nazionale del Belgio per un tributo complessivo al suo corpus compositivo attraverso una serie di concerti.
Così è nata l’idea di Paramount: una rilettura per grande orchestra, in cui l’ascoltatore è messo al centro dell’impatto sonoro grazie all’uso, per la prima volta al mondo, della 3D Audio Technology. Esperimento che è valso al tecnico del suono la decima candidatura al Grammy.

La sperimentazione, l’interesse per le arti visive in ogni accezione, la collaborazione con teatri e designers è la cifra stilistica visuale di Ozark Henry e dalla tournée ‘tridimensionale’ The Journey Is Everything, progettata da Arf&Yes, era prevedibile che si passasse alla sperimentazione estrema di tradurre la dimensione fisica della musica in un effetto recepibile dall’ascolto del disco registrato.

Con un progetto sofisticato, elegante e di altissimo impatto emotivo, con un’unica preziosissima cover, l’unica rilettura di Heroes approvata da David Bowie, Paramount ribadisce il maturo talento di Ozark Henry, raffinato esponente della più elegante cultura internazionale, coltivato dal decennale rapporto con stilisti di grande sperimentazione come Dries Van Noten e successore di Lou Reed come international brand ambassador per la fashion designer Ann Demeulemeester (www.anndemeulemeester.com).

Paramount è anche un docufilm di 30 minuti realizzato dal maestro Dimitri Van Zeebroeck (http://www.dimitrivanzeebroeck.com) con la medesima, rivoluzionaria tecnologia 9.1 3D utilizzata per l’album e che sarà presentato in anteprima all’International Film Festival di Ghent nell’autunno 2015.

CONDIVIDI